L’hockey su prato torinese si unisce per dare vita ad un progetto di sviluppo di questa disciplina nel capoluogo piemontese. Dalla collaborazione tra Hc Rassemblement e il Centro Universitario Sportivo torinese nasce infatti l’HCU (Hockey Club Universitario) Rassemblement Torino, società che svolgerà attività maschile a partire dalla A2 e disputando tutte le categorie giovanili, fino all’Under 12. Il settore femminile proseguirà invece sotto la denominazione CUS Torino, ma sarà in ogni caso stretta la cooperazione tra le due realtà.
L’HCU Rassemblement Torino si pone l’obiettivo di riportare in alto il nome dell’hockey su prato sotto la Mole, partendo da un’organizzazione societaria e tecnica di grande professionalità. Alzare il livello tecnico ma allo stesso tempo creare un luogo di aggregazione in cui i veri valori dello sport possano servire per far crescere i ragazzi di oggi che saranno gli uomini di domani.
Questa partnership consentirà a due sodalizi di costruire un club in grado di immaginare e realizzare progetti ambiziosi nell’ambito di una disciplina storica, prestigiosa, olimpica di cui Torino vuole tornare a essere una piazza centrale del panorama nazionale.
“Un progetto fondamentale per la crescita dello sport universitario del nostro territorio – commenta il Presidente del Centro Universitario Sportivo torinese, Riccardo D’Elicio – crediamo molto in questa iniziativa che unisce due realtà storiche quella cussina e quella dell’Hc Rassemblement. Molti studenti e studentesse stranieri potranno praticare questa attività sportiva e qualificare molto le squadre, sia quella maschile che quella femminile. Il gruppo portante sarà sicuramente quello argentino, già fortemente radicato”.
“Unire le forze con il CUS Torino significa creare un club ambizioso, che mira a implementare la propria attività promozionale nelle scuole ma che, allo stesso tempo, punta a rendere sempre più competitiva la prima squadra – dice il presidente Giuseppe Caggiano –. Con la nuova stagione arriveranno tante novità per molti versi innovative a partire dagli incentivi per la conciliazione tra sport e studio, due attività che devono procedere di pari passo secondo un modello che proprio il Cus sperimenta con successo da anni”.

Attività Promozionale
Per incrementare il numero dei propri praticanti la società sta dando vita a una serie di scuole hockey sul territorio per la formazione dei più piccoli, da Candiolo a Nichelino passando per Moncalieri, mentre è attiva una collaborazione con le neonate società Hc Rosta e Carmasport di Carmagnola, dove i nostri tecnici stanno formando istruttori in grado, presto, di portare avanti un progetto autonomo.

Borse di studio e Welfare sportivo
Tra le novità assolute ci sono tre borse di studio messe in palio dal nuovo sponsor, OJ Solution, società leader in Italia nell'outsourcing e consulenza alle aziende con un fortissimo radicamento a Torino. Si tratta di tre “assegni” da 500 euro ciascuno che verranno staccati per altrettanti atleti che meglio sapranno conciliare studio e sport, scelti tra gli uomini e le donne. Per individuare i vincitori, un’apposita commissione incrocerà i risultati sportivi con quelli nello studio. Una formula innovativa per premiare chi riesce a rendere complementari due attività - studio e sport - che troppo spesso diventano alternative. Quante volte un allenatore si è sentito dire 'oggi non mi alleno perché devo studiare'? L’Hcu Rassemblement vuole far passare il messaggio che studio e sport possono e devono coesistere. Contestualmente OJ Solution aiuterà le famiglie più in difficoltà, previa presentazione del modello Isee, con un sostegno al pagamento della quota societaria. Due misure attraverso le quali l’Hcu Rassemblement prova a creare un contesto di comunità all’interno della società, una sorta di patto tra famiglie e società sportiva in una delle aree più periferiche di Torino in cui lo sport può diventare veicolo non solo di divertimento ma anche di crescita e riscatto.

Hcu Rassemblement (Serie A2 maschile)
L’allenatore della prima squadra dell’Hcu Rassemblement Torino sarà Massimiliano Durigan, bandiera del CUS degli anni Novanta, mentre sul mercato sono stati ingaggiati l’argentino Rodrigo Bonini (21 anni) e Giuliano Medici (19 anni), tra i più interessanti giovani della fucina di Cordoba, nel paese che è campione olimpico di questa disciplina. La rosa comprende gli ex giocatori di Rassemblement e CUS Torino e partecipa al campionato di serie A2.
L’esordio in campionato è sabato 28 settembre a Reggio Emilia contro il Città del Tricolore

CUS Torino (Serie A2 femminile)
Per quanto riguarda la femminile invece, panchina affidata a Rossano Laurenti, ex Valchisone. Dalla Lorenzoni Bra arrivano il portiere Ilaria Franco, il talento Sabrina Raimo e l'esperta Sara Agrò. Dal Belgrano di Buenos Aires, completa la lista dei nuovi arrivi Catalina Costa. Gli obiettivi sono di un campionato di vertice.
Esordio in campionato il 4 ottobre a Villar Perosa contro il Valchisone e due giorni dopo il big match contro la principale avversaria per la promozione: l'HP Milano

In allegato il comunicato stampa e i roster delle squadre